ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

In fiamme la penisola calcidica in Grecia

Lettura in corso:

In fiamme la penisola calcidica in Grecia

Dimensioni di testo Aa Aa

Imponente operazione anti-incendio in Grecia per sedare le fiamme che da lunedí stanno devastando il nord-est del paese.

Si conta già una vittima, un turista tedesco è annegato mentre cercava di raggiungere la moglie e il figlio già imbarcati su un gommone.

Lunedí sera il fuoco è sfuggito al controllo nella penisola calcidica, alimentato da forti venti e da temperature che hanno superato i 40 gradi.

Almeno una cinquantina di persone, soprattutto greci, sono stati ricoverati in ospedale per ustioni e intossicazioni. 1800 turisti sono stati allontanati dagli alberghi, si sono rifugiati sulle spiagge.

Evacuata anche una colonia con duecento bambini.

“Ci sentiamo piú al sicuro, vicino al mare, racconta un turista, Non abbiamo paura per le nostre vite, ma è stato veramente sgradevole”

Una trentina di navi guardia coste, barche private e pescherecci stanno trasportando via i turisti impauriti verso altri alberghi al sicuro.

“La gente ha cominciato a correre ovunque, a destra e sinistra, nessuno sapeva cosa fare, c’era il caos”

250 pompieri e una settantina di mezzi pesanti sono coadiuvati da una decina di canadair ed elicotteri.

Difficile ancora calcolare i danni, le fiamme hanno ridotto in cenere alcune fattorie della provincia di Cassadra.

L’incendio non è stato ancora domato, e le autorità parlano già di catastrofe ecologica. Sono finiti in fumo almeno 4.000 ettari di foresta centenaria, in una delle regioni piú verdi della Grecia.