ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Le minacce di Teheran mettono le ali al petrolio

Lettura in corso:

Le minacce di Teheran mettono le ali al petrolio

Dimensioni di testo Aa Aa

Nuova fiammata del prezzo del petrolio. A New York il WTI ha sfiorato i 72 dollari al barile. A Londra il brent ha abbondantemente superato quota 73. Sono le notizie che giungono dall’Iran a favorire la nuova corsa verso l’alto del prezzo del greggio.

Nel grafico l’aumento del prezzo del brent, il petrolio di riferimento europeo, nel corso del 2006, dai 55 dollari al barile di gennaio ai 73 attuali con il picco di maggio a 75 dollari il barile.

L’annuncio di Ali Khamenei che Teheran non sospenderà il programma di arricchimento dell’uranio ha contribuito a rendere piú esplosiva una situazione già surriscadata dalla crisi in Mediorente tra Libano e Israele. La tregua aveva raffreddato l’escalation del greggio, ora la corsa riprende. Gli analisti non escludono nuovi record già nei prossimi giorni.