ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Unione Europeain aiuto alla Spagna che brucia

Lettura in corso:

L'Unione Europeain aiuto alla Spagna che brucia

Dimensioni di testo Aa Aa

La Spagna chiede l’aiuto dell’Unione Europea per fronteggiare l’emergenza incendi. Piu’‘ di cento stanno ancora bruciando la Galizia, nel nord ovest del Paese. 3 canadair, 5 elicotteri carichi di acqua e 20 camion di pompieri dovrebbero, così, nelle prossime ore supportare il lavoro dei soccorritori spagnoli.

Il premier Josè Louis Zapatero ha interrotto le sue vacanze per recarsi nelle zone colpite. “Chiediamo- queste le parole del direttore generale della Guardia Civil- la collaborazione dei cittadini, in tutte le forme. Possiamo proteggere i testimoni e offriamo ricompense per qualsiasi informazione che ci aiuti a trovare i responsabili di questi incendi”.

Particolarmente colpita la zona intorno a Pontevedra. Anche l’Italia parteciperà agli aiuti con l’invio di due aerei anfibi. In Portogallo lo stato d’allerta resta al massimo livello. Come in Spagna gli incendi sono di natura dolosa. Questo l’identikit del piromane per Pedro do Carmo, coordinatore dell’unità di crisi della polizia portoghese: “Si tratta di ragazzi, anche se ci sono persone più grandi d’età, agiscono da soli e senza motivo, spesso dopo aver bevuto troppo”.

Oggi sono sei gli incendi considerati fuori controllo, mentre due sono stati circoscritti. Il focolaio piu’ vasto è nel distretto di Evora. 4000 ettari che ancora bruciano.