ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Vuoto di potere apparente a Cuba. Gli Usa incitano gli abitanti al cambiamento

Lettura in corso:

Vuoto di potere apparente a Cuba. Gli Usa incitano gli abitanti al cambiamento

Dimensioni di testo Aa Aa

Gli appelli alla difesa della rivoluzione e del regime si intensificano sui media cubani ma nel silenzio più assoluto circa le condizioni di salute di Fidel Castro e nella perdurante e inspiegabile assenza dalla scena pubblica del successore Raul.

“Io lavoro all’ospedale. Vengo dalle otto alle cinque come ogni giorno. Tutto procede come normale, come se il comandante fosse in perfetta salute”, dice una cubana.

“Nessuno sa perché Raul non si è ancora fatto vedere. Avrebbe dovuto rivolgersi al popolo in qualche maniera ma non c‘è modo di capire perché non l’abbia fatto”, aggiunge un altro cittadino dell’isola.

Da quando il fratello, lunedì, gli ha conferito provvisoriamente le redini del Paese, Raul è insieme capo dello stato, del governo, comandante dell’esercito e leader del Partito comunista cubano. Il suo silenzio, secondo alcuni, testimonia che c‘è in atto una lotta di potere che vedrebbe i suoi seguaci opposti alla generazione dei trenta/quarantenni filo-Chavez.

Il presidente degli Stati Uniti intanto è uscito allo scoperto. Con un messaggio Bush ha esortato i cubani a lavorare per un cambiamento democratico e ha assicurato l’appoggio di Washington. In Florida le organizzazioni degli esuli sono in pieno fermento. La Fondazione cubano-americana ha fatto appello a un sollevamento militare o civile. Il Movimento Democratico è invece pronto a dare l’arrembaggio all’isola via mare. Ma Bush potrebbe imporre il blocco navale.