ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nuova raffica di razzi su Israele: una vittima

Lettura in corso:

Nuova raffica di razzi su Israele: una vittima

Dimensioni di testo Aa Aa

Una persona è rimasta uccisa a Nahariya, nella pioggia di razzi che ha colpito il nord di Israele, dopo due giorni di relativa calma. Circa 80 razzi Katiusha sono piombati su diverse città della zona settentrionale del paese. E questa volta si sono spinti 70 chilometri a sud del confine. I feriti sono almeno 14. Una casa è stata distrutta.

Hezbollah ha rivendicato l’offensiva, che definisce una risposta alla strage di civili in Libano. Tra le località colpite oltre a Tiberiade, Kiriat Shmona, Safed, anche Beet Shean, a metà strada tra il confine libanese e Tel Aviv. I razzi non erano mai arrivati tanto lontano. Proprio oggi il premier israeliano Ehud Olmert si era mostrato determinato e rassicurante

“Israele continuerà a combattere fino all’arrivo di una forza internazionale nel Libano meridionale. Non possiamo fermarci prima, perchè fino a che non ci sarà una forza internazionale militare robusta e e efficace nell’area, Hezbollah sarà li e non avremo risolto niente”.

E poco prima della nuova raffica di razzi di oggi, Olmert aveva assicurato che Hezbollah è stato ormai disarmato in buona parte dall’operazione militare israliana.