ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rabbia in Libano dopo il massacro. Israele mostra un video

Lettura in corso:

Rabbia in Libano dopo il massacro. Israele mostra un video

Dimensioni di testo Aa Aa

Il giorno dopo il massacro di Cana, il Libano si è svegliato nella rabbia, nonostante l’annuncio di una breve sospensione dei bombardamenti. Israele, da parte sua, giustifica il suo attacco. L’edificio colpito ieri, in cui sono morti almeno 56 civili, oltre la metà bambini, era secondo Israele una base degli Hezbollah. A supporto di questa tesi l’esercito israeliano ha mostrato un video.

Nelle immagini, secondo Tsahal, si vedono i razzi lanciati dal villaggio libanese sciita. E si vede anche un camion dove si sarebbero trovati dei guerriglieri Hezbollah in fuga. Per la stampa libanese la strage di Cana aumenta da una parte le chances di un cessate il fuoco e dall’altra la coesione libanese, avvicinando governo e Hezbollah. Scettica la popolazione:

“Vogliamo che la violenza finisca completamente. Non serve un cessate il fuoco di uno, due giorni. Quello che hanno fatto è un grave crimine” “Ci vuole un vero cessate il fuoco e un’inchiesta. Un’interruzione dei bombardamenti aerei è un modo per farci scappare dal sud del paese mentre loro lo occupano”. E oggi in Libano è un giorno di lutto nazionale, in omaggio ai morti di Cana e a tutte le vittime dei bombardamenti israeliani.