ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Migliaia di rifugiati in fuga dal Libano meridionale

Lettura in corso:

Migliaia di rifugiati in fuga dal Libano meridionale

Dimensioni di testo Aa Aa

Quarantotto ore per scappare dal Sud del Libano, prima che le bombe ricomincino a cadere. La sospensione dei raid aerei israeliani è l’occasione per fuggire più a nord: spesso verso il porto di Tiro, oppure a Beirut, come fanno molti abitanti di Cana. Alcuni hanno il desiderio di tornare per continuare a resistere ad Israele.

Sono casi più sporadici, ma si assiste anche al movimento inverso: alcuni approfittano della parziale sospensione dell’offensiva israeliana per tornare a Sud e constatare se e cosa resta delle proprie abitazioni. E’ il caso di questa donna, originaria di Shamaa, un villaggio del Sud.

Lo spostamento di persone è ormai un fenomeno massiccio ma per molti resta un lusso: non tutti hanno la possibilità di usufruire di un mezzo di trasporto. Altri preferiscono restare nei propri villaggi piuttosto che affrontare i rischi che un viaggio del genere comporta, in condizioni di sicurezza del tutto precarie. Sono comunque migliaia di rifugiati in attesa d’aiuti umanitari.