ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Onu, Unione europea e altri Stati si mobilitano per portare soccorso ai civili libanesi

Lettura in corso:

Onu, Unione europea e altri Stati si mobilitano per portare soccorso ai civili libanesi

Dimensioni di testo Aa Aa

La situazione umanitaria in Libano si fa sempre più drammatica con il passare dei giorni. Diversi Stati stanno predispondo l’invio di aiuti alle decine di migliaia di sfollati.

La Giordania ha fatto recapitare al confine siro-libanese 20 camion carichi di 300 tonnellate di aiuti che comprendono soprattutto tende, coperte, medicinali e generi alimentari.

Il governo di Parigi ha fatto partire due aerei carichi di generi di prima necessità a destinazione di Cipro. Da lì saranno spediti via nave nel porto di Beirut e consegnati alla Croce rossa internazionale e alle organizzazioni non governative che operano sul posto.

Anche l’Unione europea si è mobilitata annunciando 10 milioni di euro in aiuti. Il presidente della commissione ha espresso la solidarietà dell’Europa “verso i civili che stanno soffrendo per questo terribile conflitto”.

“Ho ricevuto una telefonata veramente drammatica da parte del premier libanese – ha aggiunto Barroso – Noi siamo già pronti per rispondere ai più immediati bisogni umanitari”.

Da diverse parti viene chiesta a Israele la possibilità d’istituire un corridoio umanitario per far giungere a destinazione gi aiuti.

“Avevo la possibilità di partire – dice un libanese con permesso di soggiorno tedesco – Ma non voglio abbandonare la mia famiglia e il mio paese. Ho già vissuto e lavorato all’estero per 15 anni”.

L’Alto commissariato delle nazioni uniteper i rifugiati(UNHCR) sta inviando il proprio personale e i propri mezzi sul posto. Alla frontiera tra Siria e Libano sono già arrivate tende e coperte per gli sfollati.