ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

G8: stop alle bombe e invio di truppe internazionali

Lettura in corso:

G8: stop alle bombe e invio di truppe internazionali

Dimensioni di testo Aa Aa

Dal G8 di San Pietroburgo parte una richiesta di cessate il fuoco in Medio Oriente. Dopo un incontro con il primo ministro britannico Tony Blair, il segretario generale delle Nazioni Unite Kofi Annan ha lanciato un appello a Israele ed Hezbollah: stop alle ostilità per permettere il dispiegamento di una forza internazionale.

Oggi ultima giornata del summit, aperto anche ai Paesi emergenti.

Il discorso di Kofi Annan:
“Ho chiesto a tutte le parti in causa di risparmiare le vite dei civili e anche le infrastrutture. Queste ultime sono indispensabili per la sussistenza e le attività quotidiane delle popolazioni. Non dobbiamo infliggere nuove sofferenze”.

Una posizione che non soddisfa la stampa europea, critica nei confronti della passività mostrata dalle potenze del Vecchio Continente. Possibile eccezione l’Italia di Romano Prodi, che sabato ha fatto da mediatore telefonico tra il premier israeliano Olmert e quello libanese Siniora. Intanto però un’altra nuvola oscura il G8: Bush e Putin hanno espresso preoccupazione per la mancata risposta di Teheran alle proposte sul nucleare iraniano avanzate dai 5 membri del Consiglio di Sicurezza e dalla Germania