ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Fuga dal Libano. Centinaia di stranieri lasciano il Paese con ogni mezzo

Lettura in corso:

Fuga dal Libano. Centinaia di stranieri lasciano il Paese con ogni mezzo

Fuga dal Libano. Centinaia di stranieri lasciano il Paese con ogni mezzo
Dimensioni di testo Aa Aa

Via dalla guerra e dalle bombe. I primi a lasciare il Libano sono i possessori di un passaporto occidentale. Le ambasciate e i vari governi hanno messo a disposizione i mezzi più svariati. Una quarantina di britannici sono stati evacuati a bordo di elicotteri chinook a destinazione della base della Royal Air Force a Cipro. Ma la via maestra per lasciare il medioriente è il mare. Francesi e italiani hanno inviato nella zona navi traghetto e bastimenti da guerra che fanno la spola tra Beirut e l’isola di Cipro. Da li potranno raggiungere l’Europa continentale a bordo di aerei.

Il cacciatorpediniere della marina italiana “de la Penne” è salpato nel primo pomeriggio dal porto della capitale libanese con a bordo 340 italiani e qualche altro straniero. “Me ne vado – dice un’italiana – perché Israele sta bombardando il Libano e tutti i civili in maniera indiscriminata. Stanno distruggendo il Paese. E sembra che la situazione peggiori”.

Altri Paesi hanno scelto di far uscire i propri cittadini dal Libano attraversando il confine con la Siria a bordo di autobus. “Viviamo e lavoriamo qui da due anni – spiega un irlandese-. Amiamo questo Paese e ci siamo sempre sentiti al sicuro. È una vergogna quello che sta accadendo e speriamo che tutto si risolva subito” Molti di loro sperano che questa partenza sia soltanto un arrivederci.