ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Beirut sfigurata dai bombardamenti comincia a svuotarsi. Prosegue l'evacuazione degli stranieri

Lettura in corso:

Beirut sfigurata dai bombardamenti comincia a svuotarsi. Prosegue l'evacuazione degli stranieri

Dimensioni di testo Aa Aa

Gli edifici in macerie tornano a sfigurare il volto di Beirut. Dopo sei giorni d’intensi bombardamenti la capitale libanese appare già duramente provata. Le strade sono quasi deserte e chi può farlo sta cercando in ogni modo di lasciare il Paese o attraverso il confine con la Siria o via mare. Europei e americani stanno organizzando in queste ore un gigantesco ponte aereo e navale per evacuare le migliaia di cittadini che si trovano nel Paese dei cedri.

Sulla situazione in medioriente riferisce oggi a Bruxelles al consiglio dei ministri degli esteri dei 25 l’Alto rappresentante per la politica estera dell’Unione europea. Javier Solana ha lasciato Beirut dove ha incontrato il primo ministro libanese Fouad Siniora. Dovrebbe essere inanto evacuato oggi un altro gruppo di cittadini tedeschi dopo i 200 che hanno lasciato il paese nei giorni scorsi.

“Vogliamo andare a casa perché abbiamo paura – dice una turista tedesca – Passeremo attraverso la Siria e da lì partiremo per la Germania. L’ambasciata tedesca sta facendo del suo meglio”.

È prevista per oggi anche l’evacuazione di altri 337 italiani che saliranno a bordo del cacciatorpediniere de La Penne ancorato al largo di Beirut.