ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Russia entra nell'OMC

Lettura in corso:

La Russia entra nell'OMC

Dimensioni di testo Aa Aa

Il via al G8 di Sanpietroburgo è preceduto dalla notizia dell’entrata della Russia nell’Organizzazione Mondiale per il Commercio (OMC). Quella russa è infatti l’unica grande economia al mondo esclusa dal gruppo di 149 paesi aderenti all’OMC. A Sanpietroburgo, dunque, doppia festa ed ennesimo motivo d’orgogiio per l’imminente apertura dei lavori.

Come testimonia un passante. “E’ un grande risultato per il nostro paese. La Russsia entra nel circolo dei paesi piu’ potenti, le maggiori economie, che contano davvero sulla scena politica mondiale.”

Accedere all’OMC pero’ non è stato facile. Diversi gli ostacoli, qualcuno posto dagli Stati Uniti, per esempio in merito ai servizi finanziari. Mosca era contro l’apertura di filiali bancarie straniere sul suo territorio; su questo non ha ceduto ma ha accettato la presenza di compagnie di assicurazioni estere in Russia. Abbastanza per sciogliere le reticenze di Washington.

Nonostante la firma di diversi accordi bilaterali, con l’Unione Europea compresa, è dal 1993 che Mosca tenta di entrare nell’OMC senza riuscirvi, pur applicandone le regole. Talora, di fronte all’ostracismo di Washington, ha anche minacciato di non attenervisi piu’ se la situazione non si fosse sbloccata a suo favore.

Adesso un accordo definitivo dovrebbe rilanciare diverse operazioni da tempo in sospeso. Il gigante del gas russo, Gazprom, potrebbe annunciare con chi intende sfruttare l’enorme giacimento del mare di Barents: in lizza ci sono due società americane.
Quanto alla commessa di 22 aerei da parte della compagnia di bandiera russa, Aeroflot, la scelta è tra l’americana Boeing e l’europea Airbus. L’adesione di Mosca all’Omc potrebbe giocare a favore della società statunitense.

L’applicazione delle regole del commercio sono comunque applicate con una certa disinvoltura dalla Russia. Di recente, ai ferri corti con Tiblisi, aveva deciso di non importare piu’ vino dalla Georgia. Un conflitto politico che Putin ha ritenuto conveniente spostare sul terreno commerciale.