ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

In Messico la protesta di Obrador e dei suoi elettori

Lettura in corso:

In Messico la protesta di Obrador e dei suoi elettori

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ il giorno della protesta oggi in Messico. Manifesterà nella capitale, Città del Messico, il PRD, il Partito della Rivoluzione Democratica. Il suo leader, Andres Manuel Lopez Obrador non accetta, infatti, la sconfitta elettorale inflittagli dal conservatore Felipe Calderon del Partito di Azione che, invece, si dice addirittura favorevole ad un governo di coalizione. “Rispetteremo la legge- ha precisato Ricardo Monreal del PRD- Non abbiamo mai fatto ricorso alla violenza,non lo faremo certo ora. Sarà una manifestazione pacifica”

Non si arrende insomma Obrador e, oltre alla manifestazione, sta chiedendo in queste ore al Tribunale Federale elettorale il riconteggio di almeno 30 mila seggi. Felipe Calderon ha vinto infatti queste Presidenziali per un pugno di voti, 236 mila. Finora, comunque, gli osservatori inviati dall’Unione Europea non hanno riscontrato nè frodi nè irregolarità durante le procedure di voto e di scrutinio.

“Sono una persona onesta, ha dichiarato Felipe Calderon Presidente del Messico, so che non ci sono dubbi su chi ha vinto. Il PRD sa esattamente come stanno le cose”. Ci sarà tempo fino al 6 settembre, dunque, perchè il Messico proclami formalmente il suo nuovo Presidente.