ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Riforma costituzionale in Germania: più federalismo ma anche più centralismo

Lettura in corso:

Riforma costituzionale in Germania: più federalismo ma anche più centralismo

Dimensioni di testo Aa Aa

Una Germania piùfederale e più centralizzata nello stesso tempo. Il Bundesrat ha approvato in via definitiva la più importante riforma costituzionale dal dopoguerra ad oggi. Un successo per il governo Merkel: era dal ’90, dalla riunificazione, che se ne parlava senza trovare l’accordo. Il leader cristiano-sociale bavarese Edmund Stoiber: “Oggi questo nuovo federalismo darà un nuovo impulso alla Germania. Un risultato che non sarebbe stato possibile senza la grande coalizione fra CDU-CSU e socialdemocratici”.

Anche per il presidente dell’SPD Kurt Beck la riforma è positiva: “L’organizzazione e la ripartizione dei compiti fra stato e regioni sarà più razionale. Per i tedeschi sarà più facile capire chi decide che cosa. Il consenso nei confronti della riforma non potrà che crescere”. In sostanza i länder ottengono più poteri in vari campi, fra l’altro per l’istruzione superiore e una serie di aspetti della vita quotidiana come gli orari dei negozi.

In cambio, le regioni delegano il loro potere decisionale allo stato federale in tutta una serie di settori in cui, secondo la costituzione del ’49, avevano il diritto di decidere. Secondo i legislatori ciò dinamizzerà le istituzioni, dando impulso anche alla crescita economica. Ma non si sa ancora come verrà finanziata la riforma. Le regioni più povere, in particolare all’est, temono di rimanere penalizzate. Su questo il dibattito è rinviato a dopo l’estate.