ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Al via la presidenza finlandese dell'UE

Lettura in corso:

Al via la presidenza finlandese dell'UE

Dimensioni di testo Aa Aa

Costituzione, allargamento e soprattutto relazioni con la Russia. Sono le priorità della Finlandia che da sabato assumerà la presidenza di turno dell’Unione europea. Nel secondo semestre Helsinki dovrà cercare di rilanciare il dibattito sull’avvenire della costituzione europea, di fatto congelata dopo la bocciatura francese e olandese dell’anno scorso.

“Sappiamo che il trattato non entrerà in vigore cosí com‘è – spiega il ministro degli esteri Erkki Tuomioja- ma vogliamo mantere vivo il processo costituzionale”

E la Finlandia darà il buon esempio diventando, in autunno, il sedicesimo paese a ratficare il trattato fondamentale.
In realtà il calendario per il futuro della costituzione europea è stato stabilito già all’ultimo vertice di giugno sotto presidenza austriaca. Si aspetterà il 2007, dopo le elezioni in Francia e Olanda per fare proposte concrete. Prima peró la presidenza finlandese deve riflettere sulla capacità dell’Unione europea di integrare nuovi stati membri, come ha dichiarato ai microfoni di Euronews, il premier finlandese Matti Vanhanen:

“Non definiremo nuovi criteri per i paesi candidati, ma dobbiamo tenere in considerazione la capacità di assorbimento dell’Unione europea. Non si tratta in ogni caso di un nuovo criterio”.

A causa della vicinanza geografica e dei particolari legami storici, la Finlandia spera di giocare un ruolo di mediazione con la Russia, approfondendo il dialogo sulla questione dei visti e sull’approvigionamento energetico. Da Mosca proviene un quarto del gas utilizzato in Europa, l’Unione vuole stringere nuovi accordi sulla liberalizzazione del mercato.