ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Spagna, Zapatero apre ai negoziati di pace con l'Eta. No del Partito Popolare

Lettura in corso:

Spagna, Zapatero apre ai negoziati di pace con l'Eta. No del Partito Popolare

Dimensioni di testo Aa Aa

Il premier spagnolo Josè Luis Rodriguez Zapatero ha annunciato oggi che il governo avvierà negoziati di pace con l’Eta.
Il Partito popolare ha invece ribadito la propria contrarietà a qualsiasi negoziato.

“Il governo si prepara ad avviare un dialogo con l’Eta”, ha spiegato Zapatero, mantenendo fede al principio irrinunciabile “che le questioni politiche si discutono e si risolvono solo con i legittimi rappresentanti della volontà popolare”.
Il processo di pace, ha aggiunto il premier, sarà lungo e difficile, ma il governo “non pagherà nessun prezzo politico” per raggiungere la pace.

L’organizzazione separatista basca, che nel corso di 40 anni di violenza ha ucciso oltre 800 persone, ha annunciato lo scorso marzo un cessate il fuoco. Proprio questa tregua rende possibile, da subito, l’avvio del dialogo, ha detto Zapatero.

Il Partito popolare ribadisce il suo no a qualsiasi “negoziato politico” con Eta e Batasuna, formazione illegale e braccio politico dei terroristi. “Non possiamo dare il nostro appoggio al governo” ha detto il leader del partito Mariano Rajoy: “si puo’ parlare con Eta solo della sua dissoluzione”, “ma non si puo parlare con Eta di Spagna o del Paese Basco”.

Il partito Popolare è il principale partito di opposizione, e per ora anche l’unico che si oppone frontalmente a qualsiasi apertura.
Dello stesso parere sono le centinaia di migliaia di persone che lo scorso 10 giugno hanno sfilato a Madrid. La manifestazione era promossa da un’associazione di vittime del terrorismo.

La maggioranza della società spagnola sembra però favorevole a un’apertura di dialogo con l’Eta, come conferma un recente sondaggio.