ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Hamas cede sul riconoscimento di Israele. Accordo col Fatah sull'"iniziativa dei prigionieri"

Lettura in corso:

Hamas cede sul riconoscimento di Israele. Accordo col Fatah sull'"iniziativa dei prigionieri"

Dimensioni di testo Aa Aa

Hamas si piega al riconoscimento di Israele. A sorpresa, dopo un’aspra trattativa, le fazioni palestinesi hanno raggiunto l’accordo sulla cosiddetta “iniziativa dei prigionieri”, un documento elaborato da un gruppo di detenuti politici nelle carceri israeliane che, implicitamente, riconosce lo stato d’Israele. Approvandone il testo, Hamas rompe il proprio isolamento e riprende il dialogo col Fatah, scongiurando l’incombente guerra civile nei territori.

Solo la Jihad islamica si è chiamata fuori dal piano che prevede, tra l’altro, la fine degli attentati in Israele e la creazione di uno stato palestinese, con Gerusalemme come capitale, all’interno dei confini dell’occupazione del ’67, il che vuol dire, appunto, riconoscere il diritto all’esistenza di Israle. Per il Movimento di resistenza islamica si tratta di uno spettacolare cambiamento di rotta: nel suo statuto fondatore, risalente all’87, si parla della distruzione di Israele. A questo punto diventa inutile il referendum del 26 luglio indetto dal presidente dell’autorità nazionale Mahmud Abbas per spingere il governo di Ismail Haniye al compromesso. In ballo c‘è soprattutto la fine del boicottaggio internazionale, che ha portato le istituzioni palestinesi alla bancarotta. Per ora, gli unici a reagire sono stati gli israeliani che hanno rifiutato di prendere impegni, parlando dell’accordo come di una questione tutta interna alla politica palestinese.