ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gaza: Israele ammassa truppe e minaccia l'invasione se il soldato non viene liberato

Lettura in corso:

Gaza: Israele ammassa truppe e minaccia l'invasione se il soldato non viene liberato

Dimensioni di testo Aa Aa

I carri armati israeliani continuano ad ammassarsi al confine con la striscia di Gaza, in vista di un’eventuale operazione militare per liberare il soldato rapito. Per il momento l’ordine di attacco non è stato dato e secondo fonti di stampa vicine all’esercito, ci vorrà almeno un giorno ancora prima che il dispositivo d’attacco diventi operativo.

E’ la guerra dei nervi nel tentativo di ottenere la liberazione del caporale diciannovenne Gilad Shalit sequestrato domenica nel corso di un raid, contro una postazione militare, compiuto da diversi gruppi armati palestinesi. Nell’assalto sono morti 2 soldati israeliani e 2 guerriglieri palestinesi. Il caporale fatto prigioniero sarebbe rimasto ferito. Il governo israeliano minaccia di tagliare i viveri, l’acqua e l’elettricità alla striscia di Gaza ed esclude ogni scambio con le donne e i giovani detenuti nelle proprie carceri, come richiesto dalle fazioni armate palestinesi. Israele avverte anche che potrebbe catturare od uccidere qualunque alto dirigente di Hamas, compresi quelli che vivono all’estero. A Gaza, i buldozer hanno lavorato tutta la notte per rendere le cose difficili ai carri armati israeliani, in caso di invasione. Le brigate si preparano a resistere. Questa notte Sderot, la città israeliana più vicina alla striscia di Gaza, è stata colpita da razzi di fabbricazione artigianale che, secondo fonti di Tsahal, avrebbero provocato 4 feriti.