ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La battaglia dell'acciaio si chiude con le nozze record fra Arcelor e Mittal

Lettura in corso:

La battaglia dell'acciaio si chiude con le nozze record fra Arcelor e Mittal

Dimensioni di testo Aa Aa

Arcelor ha accettato l’offerta di Mittal Steel: nasce un colosso dell’acciaio da 55 miliardi di euro di fatturato. Dopo cinque mesi di diniego, il gruppo franco lussemburghese ha ceduto all’offerta del magnate indiano Lakshmi Mittal che ha pagato 40,4 euro per azione.

Ha espresso soddisfazione Joseph Kinsh, Presidente del cda Arcelor: “Fra noi e Mittal è stato pattuito che il modello industriale di Arcelor verrà applicato al nuovo gruppo che si chiamerà Arcelor-Mittal”. Kinsh conserverà il proprio posto sino al 2007. Le voci che davano imminente un accordo si rincorrevano da alcuni giorni. Decisivo sarebbe stato l’innalzamento dell’offerta di Mittal: il prezzo complessivo ha raggiunto 25,8 miliardi di euro. Il ministro lussemburghese dell’Economia Jeanneau Krecke ha spiegato che la neonata azienda avrà sede in Lussemburgo: “Una grande vittoria per il Paese oltre che per Arcelor” ha detto. L’accordo con Lakshmi Mittal si è concluso dopo che gli azionisti Arcelor hanno infine bocciato il progetto di fusione con Severstal, il gruppo russo di Alexei Mordachov che aveva annunciato la propria unione con Arcelor a fine maggio. Ma l’ipotesi di una fusione con Severstal aveva suscitato le perplessità di parte dell’azionariato Arcelor. Cedendo al lungo assedio di Mittal, Arcelor ha dunque permesso la creazione di un gruppo che produrrà 100 milioni di tonnellate d’acciaio all’anno e impiegherà oltre 320 mila persone in più di 70 Paesi nel Mondo.