ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Arcelor e Mittal vicine a un'intesa per una fusione

Lettura in corso:

Arcelor e Mittal vicine a un'intesa per una fusione

Dimensioni di testo Aa Aa

Il board di Arcelor si riunirà domenica per decidere se accettare una fusione con Mittal Steel. Dopo dieci giorni di trattative, i due colossi siderurgici sembrano vicini a un’intesa.

Mittal ha confermato che i negoziati sono ormai “a uno stadio avanzato”. Secondo il quotidiano francese la Tribune, mancherebbe solo un accordo sul prezzo. Arcelor non intende scendere sotto i 40 euro ad azione. E Mittal, che era partita con una Opa ostile da appena 23,2 miliardi di euro, sembra ora disposta a fare concessioni, puntando su un accordo amichevole. Insieme, le due imprese conterebbero per il 10% della produzione globale nel frammentato settore siderurgico.

A dare una svolta alle trattative potrebbe aver contribuito un ripensamento del governo del Lussemburgo, che detiene il 5,6% di Arcelor. Inizialmente, il primo ministro Jean Claude Juncker non aveva nascosto la sua contrarietà all’opa di Mittal. Ma potrebbe essersi ricreduto, dopo le assicurazioni fornite dal colosso indiano dell’acciaio.