ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

In arrivo la riforma del vino

Lettura in corso:

In arrivo la riforma del vino

Dimensioni di testo Aa Aa

Piú marketing e meno sprechi. E’ la promessa che il commissario all’agricoltura Marianne Fischer- Boel ha fatto agli operatori di Vinitaly a Verona. La riforma che il commissario presenterà giovedí non prevede tagli al budget del settore che ogni anno riceve un milardo e trecentomlioni di fondi europei.

Bruxelles vuole peró dividere in modo diverso i sussidi, orientandoli di piú verso la promozione e la commercializzazione. L’Unione europea è il primo produttore e il primo esportatore di vino al mondo, ma negli ultimi anni, a causa della concorrenza di Cile, Austrialia e Stati Uniti, si sono perse fette di mercato.

Di conseguenza ogni anno l’Europa spende circa mezzo miliardo di euro per trasformare il vino in eccesso in alcool o biocarburanti. L’Italia ad esempio ha ottenuto sussidi per distillare due milioni e mezzo di vino da tavola, un po’ meno di quanto avrebbe voluto.

Bruxelles vuole ora far uscire il vino dalle cantine e puntare sulla qualità piú che la quantità.