ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Iraq: per la prima volta, 3 soldati USA accusati di omicidio premeditato

Lettura in corso:

Iraq: per la prima volta, 3 soldati USA accusati di omicidio premeditato

Dimensioni di testo Aa Aa

Per la prima volta 3 militari statunitensi vengono rinviati a giudizio per omicidio premeditato. I tre in forza alla 101a Brigata aerotrasportata, sono accusati di aver deliberatamamente fatto scappare i 3 uomini che avevano arrestato nel corso di un raid nella provincia di Salhaeddine per avere poi la scusa di sparare loro addosso e di abbatterli.

Le cose vanno sempre peggio per gli americani in Iraq. Al Quaeda sostiene di aver sequestrato 2 militari vicino a Yusufiya, e intanto i casi di abusi perpetrati dalle truppe di occupazione e portanti al cospetto delle commissioni militari cominciano a essere numerosi. C‘è ad esempio l’inchiesta su alcuni marines, sospettati di aver ucciso a sangue freddo 24 civili a Haditha, a ovest di Baghdad per vendicare la morte di un loro commilitone in un attentato, nel novembre del 2005. E ora anche la giustizia italiana vuole processare il marine che, nel corso del salvataggio della giornalista del manifesto Giuliana Sgrena, sparò al posto d blocco dell’aeroporto di Bagdad, uccidendo l’agente dei servizi italiani Nicola Calipari che portava in salvo la giornalista del manifesto Giuliana Sgrena. La procura di Roma ha chiesto il rinvio giudizio del marine Mario Lozano, che per ora è irreperibile. Nella richiesta della procura si ipotizza il delitto politico, una circostanza, se il gip decidesse il rinvio a giudzio, che potrebbe consentire un processo anche in contumacia.