ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Dialogheremo coi ribelli". Il premier iracheno apre agli insorti

Lettura in corso:

"Dialogheremo coi ribelli". Il premier iracheno apre agli insorti

Dimensioni di testo Aa Aa

Un dialogo coi ribelli iracheni è possibile. Lo ha detto a Baghad, all’indomani della visita a sorpresa del presidente statunitense Bush, Nuri al-Maliki, capo del governo iracheno. Il premier ha anche annunciato per giovedi una “iniziativa per la riconciliazione nazionale”, che comprenderà anche una amnistia per i prigionieri.

Possiamo aprire un dialogo con coloro che si sono opposti al processo politico in corso e ora decidono di parteciparvi, con le garanzie del caso – ha detto al-Maliki. Nelle stesse ore in cui il primo ministro parlava ai giornalisti, veniva lanciata a Baghdad una massiccia operazione delle forze armate, con 40.000 tra soldati statunitensi e poliziotti iracheni, impegnati nella perlustrazione di diversi quartieri della capitale. Quello che da giorni si teme e si tenta di prevenire è la reazione degli insorti all’uccisione a Baquba di al-Zarqawi. Nonostante le accresciute misure di sicurezza sul terreno però si continua a morire. Ieri gli attentati hanno causato 36 vittime. Oggi, un conto parziale ne segnala già 10.