ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'esperto: al-Zarqawi "non psicopatico, ma lucido architetto del settarismo"

Lettura in corso:

L'esperto: al-Zarqawi "non psicopatico, ma lucido architetto del settarismo"

Dimensioni di testo Aa Aa

Abu Mussab al-Zarqawi, al secolo Ahmad Fadhil Nazzal al-Khalayleh, è il nome che ha firmato decine di attentati non solo in Iraq. Come quello del novembre scorso ad Amman, nella nativa Giordania, in cui sono morte 60 persone. Il luogotenente di Bin Laden con il triste pallino degli ostaggi che decapitava con le sue mani. Spiega Michael Clarke, esperto di studi militari: “Al-Zarqawi era estremamente crudele e alcuni pensano che fosse uno psicopatico, ma non lo era. Aveva elaborato una strategia molto precisa, quella di creare violenza settaria per rendere l’Iraq ingovernabile e far modo che i sunniti potessero eliminare gli sciiti”. Una strategia chiara fin dall’inizio: uno dei primissimi attentati rivendicati da al-Zarqawi fu l’attacco contro la moschea sciita di Najaf, nel 2003, in cui rimasero uccisi 85 civili.“Penso che con la morte di Zarqawi – dice Clarke – scompaia uno dei grandi architetti della violenza interconfessionale in Iraq, ma penso anche che le divisioni settarie siano radicate così profondamente nella società irachena che difficilmente queste violenze finiranno”.Triste ma facile profezia: ancora ieri una bomba ha ucciso 13 civili in un mercato di Bagdad, 28 i feriti. Un’altra persona è morta e cinque sono rimaste ferite in un’altra esplosione, sempre nella capitale.