ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'indipendenza del Montenegro: un esempio per Pale e Pristina?

Lettura in corso:

L'indipendenza del Montenegro: un esempio per Pale e Pristina?

Dimensioni di testo Aa Aa

L’atmosfera era triste ieri al parlamento di Belgrado, quando l’Assemblea ha proclamato, volente o nolente, l’indipendenza della Serbia – amara constatazione dopo il recente referendum in Montenegro. Il 21maggio scorso il risultato delle urne non ha lasciato dubbi: oltre il 55% dei votanti ha chiesto l’indipendenza.

Cosi’ si conclude il processo di smembramento dell’ex Jugoslavia. L’Unione Europea, a sua volta, vede vanificato l’ultimo sforzo per tenere insieme l’Unione di Serbia e Montenegro, le uniche due repubbliche rimaste sulla carta politica disegnata dagli Accordi di Belgrado, nel 2002 (sette anni dopo Dayton, altra firma storica, in grado di fermare il conflitto che per quattro anni ha lacerato la Federazione creata da Tito).

Accordi e strette di mano che non hanno pero’ cancellato le spinte secessionistiche. L’indipendenza del Montenegro ne è una prova, e rischia di contagiare il Kosovo, provincia a sud della Serbia, e la Repubblica Srpska, l’enclave serba in territorio bosniaco.

In Kosovo, sette anni dopo la fine della guerra, le frizioni tra serbi e albanesi kosovari sono quasi all’ordine del giorno. Pur sotto la tutela dell’Onu, le due comunità non riescono a mettersi d’accordo sul futuro della provincia: la minoranza serba è contro l’indipendenza da Belgrado, voluta invece dagli albanofoni, e qualora il Kosovo diventasse stato sovrano minaccia la secessione del nord del terrritorio, dove i serbi sono la maggioranza.

In Bosnia Erzegovina l’indipendenza del Montenegro desta già qualche preoccupazione: “E’ a rischio la stabilità della regione. Adesso i serbi e la Serbia cominceranno a fare qualche pensierino sulla Repubblica Srpska”, dice un cittadino di Sarajevo.

Pochi giorni dopo il referendum in Montenegro, l’Alto rappresentante internazionale per la Bosnia Erzegovina si è affrettato a precisare ai dirigenti serbi delle due sponde della Drina che in base agli accordi di Dayton la Repubblica Srpska non è un’entità storica ma è stata creata a tavolino: in quanto tale è impensabile che possa staccarsi dalla Bosnia.