ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Repubblica ceca. Dopo le elezioni parlamento diviso in due

Lettura in corso:

Repubblica ceca. Dopo le elezioni parlamento diviso in due

Dimensioni di testo Aa Aa

Il premier ceco uscente Jiri Paroubek non molla, soprattutto ora che i primi dati ufficiali dicono che il parlamento appare perfettamente spaccato in due. I socialdemocratici intendono contestare la vittoria dei conservatori alle elezioni politiche. La causa della protesta sono gli attacchi definiti calunniosi dei quali Paroubek è stato vittima pochi giorni prima del voto.

Dopo una campagna rissosa e convulsa, il leader dei Civici democratrici Mirek Topolanek si dichiara comunque soddisfatto per aver raccolto i frutti del proprio programma: riforme liberali e in primo luogo l’introduzione dell’aliquota unica al 15%: “Voglio innanzi tutto ringraziare gli elettori che si sono recati alle urne. Abbiamo vinto ed è il nostro miglio risultato dal ’92”. Topolanek ha parlato forse troppo presto. Perche le ultime statistiche mostrano che le due probabili o possibili coalizioni avrebbero a disposizione ciascuna 100 seggi, con un parlamento dunque esattamente diviso in due. Nella confusa situazione gli unici con certamente qualcosa da festeggiare sono i verdi, che entrano per la prima volta in parlamento: “Sono felice – ha detto il leader Martin Bursik – siamo i primi a riuscirci fra tutti i paesi ex comunisti dell’est”. I socialdemocratici e i civici-democratici hanno già scartato l’ipotesi di una grande coalizione. L’incertezza resta sovrana sul futuro politico della Repubblica ceca.