ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Non cessa l'ondata di violenza in Iraq

Lettura in corso:

Non cessa l'ondata di violenza in Iraq

Dimensioni di testo Aa Aa

Nella zona est di Bagdad,quattro persone sono state uccise e due ferite in un attentato contro un minibus su cui viaggiavano alcuni impiegati locali di una società di telecomunicazioni. Mentre sempre oggi si è avuta notizia di 24 civili tra cui vecchi e bambini trucidati ad un checkpoint nel villaggio di Ayn Layla a 100 kma nord di Bagdad e di una sparatoria in una moschea a Bassora dove avrebbero perso la vita 12 persone.

Intanto il ministro iracheno dell’Interno ha smentito la notizia già riportata dall’Ansa e in un primo tempo confermata da fonti interne al ministero dell’avvenuta liberazione dei 4 diplomatici russi rapiti ieri durante una sanguinosa imboscata a Mansur, uno dei quartieri residenziali di Bagdad dopo che un auto aveva sbarrato loro la strada. Nell’attacco, lo ricordiamo aveva perso la vita un diplomatico russo eimmediata era stata la reazione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu che avevachiesto l’immediato rilascio egli ostaggi Intanto, proprio a causa dell’ondata di violenza, le nomine attese per oggi dei ministri iracheni dell’Interno e della Difesa sono slittate a data da destinarsi