ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'arrivo del contingente portoghese a Timor Est

Lettura in corso:

L'arrivo del contingente portoghese a Timor Est

Dimensioni di testo Aa Aa

Grande entusiasmo oggi della popolazione di Timor Est per l’arrivo a Baucau, a est della capitale Dili di un contingente di 137 soldati proveniente dal Portogallo,di cui Timor Est è stata colonia per piú di quattro secoli. Obiettivo della missione, che in mancanza di un sostegno da parte dell’Onu costerà al Paese 5 milioni di euro, è quello di ripristinare l’ordine.

La tensione nel Paese resta infatti alta e proprio oggi, nei pressi dell’aeroporto della capitale, durante alcune perquisizioni delle forze multinazionali bande rivali hanno dato fuoco ad alcune abitazioni Gli scontri a Timor Est sono esplosi lo scorso mese di aprile a causa dell’espulsione decisa dal primo Ministro Mari Alkatiri di circa 600 militari che si erano ammutinati per protesta contro presunte discriminazioni perpetrate dagli ufficiali dell’Ovest contro soldati dell’Est L’intervento di una forza multinazionale composta da piú di 2000 soldati e guidata dagli australiani aveva in parte stabilizzato la situazione ma ora con l’arrivo del nuovo contingente altre difficoltà si presentano all’orizzonte. Le unità portoghesi non intendono infatti operare sotto comando australiano. E intanto la preoccupazione cresce per gli oltre settanta mila timoresi costretti ad abbandonare le proprie case e a rifugiarsi nei campi profughi. Le condizioni continuano, infatti ad essere precarie e sono molte le donne costrette a partotire in tende di fortuna. L’alto Commissariato delle Nazioni unite dal canto suo intende rafforzare gli aiuti, già nelle prossime ore portando nei campi nuove tende e zanzariere.