ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Timor est, il capo dei ribelli boccia l'iniziativa del presidente

Lettura in corso:

Timor est, il capo dei ribelli boccia l'iniziativa del presidente

Dimensioni di testo Aa Aa

Il capo dei soldati ribelli di Timor est ha rigettato le ultime iniziative del presidente Xanana Gusmao tese a riportare la calma nel Paese. “Non è una soluzione, il presidente ha commesso un errore”, ha dichiarato il comandante Alfredo Reinado.

Gusmao ieri aveva assunto il controllo dell’esercito e dei servizi di sicurezza licenziando il ministro dell’interno e quello della difesa, accusati di non aver saputo prevenire lo scoppio delle violenze. Ma i ribelli chiedono di più: la testa del primo ministro Mari Alkatiri che il mese scorso ha revocato il comandante Reinado e altri 600 militari che avevano disertato per protestare contro presunte discriminazioni. Da allora sono state settimane di disordini placati solo dall’arrivo di un contigente multinazionale di 2500 uomini a guida australiana. Molte persone hanno dovuto lasciare le proprie abitazioni e si contano circa cinquantamila profughi. “Non abbiamo abbastanza acqua perché il campo è sovraffollato. L’acqua viene fornita solo una volta all’ora”, dice una rifugiata. Aiuti stanno giungendo sull’isola. Ma la penuria di cibo rischia di essere la nuova minaccia alla sicurezza. Migliaia di persone affamate hanno cercato di prendere d’assalto un magazzino governativo di riso, che sta diventando sempre più scarso.