ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Stato di emergenza a Bassora: l'Iraq è ingovernabile

Lettura in corso:

Stato di emergenza a Bassora: l'Iraq è ingovernabile

Dimensioni di testo Aa Aa

Sangue e disordini, ritrovamenti macabri e omicidi mirati. Da Nord a Sud l’Iraq è sconvolto da una spirale di violenza senza fine. Uno degli ultimi episodi: l’attacco a due convogli, uno australiano, l’altro giapponese, stamane, sulla strada che conduce a Samawah, nel sud del paese. Una bomba è esplosa, danneggiando i veicoli e ferendo un passante.

Il primo ministro Nouri al Maliki si è precipitato a Bassora, la seconda città irachena per annunciare lo stato d’emergenza che durerà un mese. Il sud dell’Iraq, sotto controllo britannico, sembrava pacificato ma dopo la distruzione lo scorso febbraio del mausoleo sciita di Samarra, anche in questa zona del paese, la situazione si è incendiata. Solo a maggio i morti, in particolare sunniti, sono stati 140. Non allentano la tensione i ripetuti incidenti che vedono protagonisti i soldati americani. A Samarra le forze statunitensi hanno aperto il fuoco contro un’auto che non si è fermata a un posto di blocco. Le due donne che si trovavano a bordo sono morte. Una era incinta, l’altra la stava accompagnando in ospedale. Anche i funerali delle vittime di un’esplosione di ieri a Bagdad si sono trasformati in occasione di disordini.