ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Giornata di intense trattative a Timor Est per riportare l'ordine

Lettura in corso:

Giornata di intense trattative a Timor Est per riportare l'ordine

Dimensioni di testo Aa Aa

L’appello alla calma è giunto ancora una volta dal presidente Xanana Gusmao, l’ex guerrigliero, che per 20 anni si è battuto contro l’occupazione indonesiana di questa parte dell’isola, ha chiesto ai suoi cittadini di deporre le armi e riprendere il dialogo. Di fronte alle pressioni perché il premier Mari Alkatiri si dimetta, il governo studia il rimpasto. La riunione di oggi è stata sospesa lasciando aperta la possibilità di dimissioni del ministro della difesa e dell’interno, incarichi che potrebbe assumere ad interim Gusmao.

Secondo gli oppositori, il premier non sarebbe stato in grado di gestire la crisi innescata a fine aprile dalla diserzione di 600 militari, che sono stati radiati dall’esercito. Nel Paese cominciano a scarseggiare i beni di prima necessità, e stamani un magazzino è stato saccheggiato.Il governo australiano, che ha risposto all’appello di aiuto di Dili, ha annunciato l’invio di aiuti umanitari fino a un milione e duecento mila euro. Circa 2500 militari australiani, malaysiani e neozelandesi hanno raggiunto l’isola lo scorso fine settimana. E stando a un ufficiale australiano, le gang che seminano il terrore sono state disarmate.