ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Indonesia: critica la situazione per i feriti e gli sfollati del terremoto

Lettura in corso:

Indonesia: critica la situazione per i feriti e gli sfollati del terremoto

Dimensioni di testo Aa Aa

All’inizio si era parlato di qualche decina di vittime, ma ben presto si è riconosciuta la catastrofe, e ci si è resi conto che negli ospedali non c’era più posto per soccorrere i feriti, né per ammassare i morti.

I soccorsi sono difficili, perché buona parte delle linee elettriche e telefoniche è saltata. Ed alcune zone sono rimaste isolate. L’aeroporto di Yogyakarta, gravemente danneggiato, è chiuso. Sono migliaia le case distrutte, e sarà molto difficile garantire, oltre alla cura dei feriti, anche l’assistenza agli sfollati. Si teme il diffondersi di epidemie: presto, scarseggeranno i medicinali. Alcune strade sono interrotte, le altre sono state invase dal traffico dei mezzi in fuga, anche perché si era diffusa la voce di uno tsunami in arrivo. Voce rivelatasi infondata, perché il sisma non è stato abbastanza potente per scatenare l’onda gigante. Secondo i sismologi, non ha influito l’attività del vicino vulcano Merapi. Dopo il terremoto, è stato invece constatato un aumento dell’attività del vulcano.