ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Montenegro indipendente guarda all'Ue e alla Nato

Lettura in corso:

Il Montenegro indipendente guarda all'Ue e alla Nato

Dimensioni di testo Aa Aa

Saranno comunicati questa mattina i risultati definitivi del referendum sull’indipendenza del Montenegro. Questi dati non dovrebbero rovinare la festa ai sostenitori del sì che sono scesi in piazza per la seconda notte consecutiva. Più del 55% dei votanti si è espresso a favore della separazione dalla Serbia mettendo fine a un’unione formale che durava da quasi un secolo.

I dirigenti politici governativi, tutti a favore della secessione, stanno già pensando al passo successivo. Cioè l’integrazione nell’Unione europea e nella Nato. “Sono convinto – ha detto il primo ministro Milo Djukanovic – che dopo la decisione di domenica l’immagine del Montenegro migliorerà. Mostreremo di essere una società flessibile e aperta”. L’alto rappresentante per la politica estera europea Javier Solana ha dichiarato che l’Unione continuerà a cooperare con tutti i Paesi della regione.Proprio l’Unione europea, quattro anni fa in occasione della firma dell’accordo che siglava la nascita della Serbia-Montenegro, aveva imposto come clausola che nell’eventuale referendum per l’indipendenza i sì superassero la soglia del 55%.