ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Germania: i servizi segreti spiavano i giornalisti

Lettura in corso:

Germania: i servizi segreti spiavano i giornalisti

Dimensioni di testo Aa Aa

In Germania è bufera sul Bnd accusati di aver spiato per anni numerosi giornalisti. E di averne pagato alcuni per ottenere informazioni sull’attività di alcuni loro colleghi.

Il Bnd, confermando indirettamente la notizia, ha riconosciuto di aver commesso degli errori. A sollevare il caso è stato il quotidiano Sueddeutsche Zeitung. Il giornalista Erich Schmidt-Eenboom, autore di un libro critico nei confronti del Bnd pubblicato nel 1993, ha ammesso di aver collaborato dal 2003 al 2004 e di aver ricevuto del denaro. “La Cancelleria dava un largo margine di manovra al direttore del Bnd, che poi passava questi poteri ai capi di dipartimento, questi a loro volta ai coordinatori delle singole unità, e così via.Una lunga catena che ha dato origine a abusi”. Il governo federale, pesantemente coinvolto, non ha potuto ignorare le forti prese di posizione da parte della stampa tedesca, il portavoce della cancelleria, Thomas Steg: “Potete essere certi che il governo intende difendere il bene supremo della libertà di stampa e di opinione”. Il Bnd è da mesi nell’occhio del ciclone per via del ruolo avuto da alcuni suoi agenti rimasti a Baghdad dopo l’inizio del conflitto. Secondo i media americani, i servizi segreti avrebbero partecipato attivamente alle guerra che vide Berlino schierarsi contro. Per valutare il ruolo del Bnd in Iraq è al lavoro una commissione d’inchiesta parlamentare.