ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Alta Corte britannica accusa il governo Blair di abuso di potere

Lettura in corso:

L'Alta Corte britannica accusa il governo Blair di abuso di potere

Dimensioni di testo Aa Aa

All’origine delle accuse dell’High Court, la vinceda dei nove afghani che nel 2000 dirottarono un volo interno dell’Ariana Airlines fino all’aeroporto londinese di Stansted per raggiungere la Gran Bretagna e ottenere l’asilo politico. La loro battaglia legale si doveva concludere nel 2004, con la sentenza pronunciata dall’Alta Corte in cui si riconosceva la loro condizione di rifugiati. Ma il loro status non è mai stato riconosciuto dal governo: per questo l’High Court denuncia il ministero dell’interno. Il premier britannico si difende così:

“Non possiamo avere una situazione in cui i responsabili di un dirottamento non vengano riportati nel loro paese. Non è un abuso di potere ordinare la loro estradizione, è contrario al buon senso non pemetterci di farlo”. I nove dirottatori minacciarono di far saltare in aria un boeing 727 con 78 ostaggi a bordo e si arresero una settantina di ore dopo l’atterraggio. Furono condananti e arrestati nel 2001. Oggi sono liberi e vivono in Gran Bretagna grazie a permessi temporanei rilasciati inquanto le condizioni di sicurezza in Afghanistan restano insufficienti a garantire la loro incolumnità in caso di rimpatrio. La sentenza mai applicata dell’Alta Corte potrebbe essere impugnata dal governo britannico che ha a disposizione altri due gradi di giudizio.