ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Buco nell'acqua per l'Unione: al Senato, Marini non passa per un voto

Lettura in corso:

Buco nell'acqua per l'Unione: al Senato, Marini non passa per un voto

Dimensioni di testo Aa Aa

Nuova legislatura, atto primo: paticcio all’italiana. L’elezione del Presidente del Senato si conclude con un nulla di fatto. Manca il quorum:

“161 voti per Franco Marini, 155 voti per Giulio Andreotti. 5 schede bianche, 1 scheda nulla” è il verdetto della lettura delle schede. Alle due del mattino il Presidente provvisorio Oscar Luigi Scalfaro fissa il nuovo scrutinio alle 10.30 del mattino. Ufficialmente sarà il terzo, nei fatti i senatori metteranno la scheda nell’urna per la quarta volta. Al primo voto infatti la Lega Nord vota compatta Roberto Calderoli. E manca il quorum. Esulta per poco l’Unione dopo il secondo voto, ma su tre schede c‘è scritto “Francesco” Marini. Voto annullato: si riprende alle 22. In aula è il pandemonio. La Lega Nord in primis insorge contro la gestione di Scalfaro. Alla Camera le cose procedono con più calma: la Casa delle Libertà vota in massa scheda bianca. Per Fausto Bertinotti è prevista l’elezione al quarto voto.