ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La nuova legge sull'immigrazione divide la Francia

Lettura in corso:

La nuova legge sull'immigrazione divide la Francia

Dimensioni di testo Aa Aa

Il ministro francese dell’interno Nicolas Sarkozy si è presentato ieri sera in televisione per difendere il progetto di legge del governo. La normativa approvata nel 2003 per lottare contro l’immigrazione irregolare è stata giudicata dal ministro ormai sorpassata.

“Sto portando avanti con il governo – ha detto Sarkozy – una politica d’immigrazione scelta. E vi pongo questa domanda: perché la Francia dovrebbe essere il solo Paese al mondo a non avere il diritto di scegliere gli immigrati ai quali può offrire un lavoro e un alloggio? Canada, Inghilterra, Italia, Germania, tutti fanno così”. L’immigrazione sarà uno dei temi caldi della campagna per l’elezione del presidente della Repubblica il cui mandato scade fra un anno. In Francia sarebbero tra 300.000 e 400.000 gli immigrati clandestini non in possesso di documenti. “Il mio sogno è diventare cittadina francese per poter lavorare e vivere come tutti gli altri”, spiega una donna algerina. Il progetto di legge francese prevede un inasprimento delle regole d’ingresso e di soggiorno. Gli immigrati saranno scelti in base alle competenze e avranno un permesso di soggiorno di tre anni.