ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ex uomini di Saddam dietro alla bomba che ha ucciso tre italiani a Nassiriya

Lettura in corso:

Ex uomini di Saddam dietro alla bomba che ha ucciso tre italiani a Nassiriya

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Italia e la Romania in lutto per l’attentato di Nassiriya che ieri è costato la vita a quattro militari. Le spoglie del rumeno Bogdan Hancu sono già rientrate dall’Iraq. All’aeroporto il presidente Traian Basescu ha conferito al caporale ventottenne una promozione postuma.

Dovrebbero invece essere rimpatriate domani pomeriggio le salme del capitano Nicola Ciardelli e dei marescialli capo dei carabinieri Franco Lattanzio e Carlo De Trizio. Gravemente ferito, un quarto italiano, non sarebbe in pericolo di vita. Secondo gli artificieri, nell’ordigno improvvisato che è esploso al passaggio della pattuglia mista si riconoscerebbe la mano di membri del passato regime baathista. Due le rivendicazioni al vaglio degli inquirenti: una delle Brigate Himam Hussein, che si rifanno indirettamente ad al-Qaida, e l’altra dell’Esercito islamico in Iraq. Nel 2003 le forze italiane erano già state prese di mira a Nassiriya: un’autobomba aveva ucciso 19 persone.