ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Alla vigilia della scadenza dell'ultimatum Onu, l'Iran non si piega

Lettura in corso:

Alla vigilia della scadenza dell'ultimatum Onu, l'Iran non si piega

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Iran considera un suo diritto lo sviluppo della tecnologia nucleare, dunque non sospenderà, come chiesto dalle Nazioni Unite, l’arricchimento dell’uranio. Lo ha ribadito in un comizio a Zanjan il presidente iraniano Ahmadinejad, il quale, dopo aver provocatoriamente invitato i tedeschi a “liberarsi del senso di colpa nei confronti degli ebrei”, ha rinnovato le minacce contro “chiunque tenti di aggredire il paese”.

Domani, quando scadrà il termine di 30 giorni concesso a Teheran per sospendere le attività nucleari, verrà presentato al Consiglio di sicurezza dell’Onu il rapporto del responsabile dell’Agenzia atomica, l’egiziano el-Baradei; rapporto che secondo indiscrezioni statunitensi sarebbe negativo per l’Iran, e potrebbe aprire di conseguenza la via delle sanzioni.