ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gran Bretagna: Blair respinge le dimessioni di Clarke

Lettura in corso:

Gran Bretagna: Blair respinge le dimessioni di Clarke

Dimensioni di testo Aa Aa

Oltre Manica, lo scandalo sulla scarcerazione di oltre mille detenuti stranieri, negli ultimi anni, senza che si sia dato corso alla normale procedura d’espulsione è stato al centro del dibattito parlamentare odierno.Il ministro degli Interni Charles Clarke si è detto pronto a dimettersi, ha anche rimesso le proprie dimissioni al premier Tony Blair, che le ha respinte. L’opposizione incalza. Il ministro dell’Interno ombra David Davis:

“Quanti assassini, quanti pedofili, stupratori e trafficanti di droga sono oggi in giro grazie al risultato di questa politica?”. Charles Clarke il ministro al centro dello scandalo non ha potuto far altro che ammettere l’errore dovuto a un blackout di comunicazione tra l’amministrazione carceraria e l’ufficio immigrazione. “È stato un fallimento, me ne rendo conto e bisogna porvi rimedio. Mi sono scusato e continuo a farlo, le cose sarebbero dovute andare in modo diverso”. L’opportunità di eventuali espulsioni, secondo la legge, avrebbe dovuto essere valutata prima dell’uscita dal carcere. In alcuni casi la misura era stata addirittura raccomandata dai giudici già al momento della condanna. Lo scandalo investe il governo di Tony Blair a dieci giorni dalle elezioni amministrative.