ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Consiglio d'Europa resta il riferimento cardinein tema di diritti umani e libertà fondamentali.

Lettura in corso:

Il Consiglio d'Europa resta il riferimento cardinein tema di diritti umani e libertà fondamentali.

Dimensioni di testo Aa Aa

Il premier lussemburghese Jean Claude Juncker incaricato di ridisegnare i rapporti futuri tra il Consiglio e l’Unione Europea dai capi di stato e di governo dello stesso Consiglio ha voluto rassicurare tutti i 46 stati membri dell’organizzazione fondata nel 1949 per difendere i diritti umani la democrazia e lo stato di diritto.
“Proporro’ – ha spiegato Juncker – che indipendentemente dal ritmo della ratificazione del Trattato istituzionale l’Unione Europea si doti subito dei mezzi necessari per aderire alla Convenzione europea dei diritti umani in quanto soggetto giuridico unitario”.

Per questo traguardo c‘è anche una data: il 2010.
L’allargamento a 25 dell’Unione Europa e l’introduzione di alcune clausole liberatorie che anteponevano il diritto comunitario ai trattati siglati dal Consiglio avevano provocato malumori tra i paesi come la Russia che non aderiscono all’Unione e che temevano una marginalizzazione del Consiglio stesso e una sua perdita di ruolo.