ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Perù alle urne per eleggere il successore del presidente Alejandro Toledo

Lettura in corso:

Il Perù alle urne per eleggere il successore del presidente Alejandro Toledo

Dimensioni di testo Aa Aa

In lizza ci sono diciannove candidati. Quasi diciassette milioni di peruviani votano oggi anche per le politiche. 125 i posti da deputati e senatori. Fra i candidati alle rpesidenziali che sembrano avere più chance, l’ex colonnello nazionalista. Ollanta Humala, dell’Unione per il Perù, che ha saputo sfruttare la corrente di cambiamento fra populista e progressista che si è imposta in questi anni in America Latina.

Altra candidata a sostituire Toledo alla “Casa de Pizarro”, il palazzo presidenziale, Lourdes Flores Nano. Democristiana di centrodestra con un programma sostanzialmente benedetto da Washington. Il terzo candidato è l’ex presidente di centrosinistra Alan Garçia che nel suo programma elettorale ha promesso una forte correzione del modello neoliberale. Quasi certo il ricorso fra un mese al ballottaggio. Sembra difficile che uno dei candidati possa riuscire già al primo turno. Sulla consultazione incombe il rischio della bassa affluenza alle urne.

Il paese è deluso dalla propria classe politica e l’ex presidente Toledo che non si è ricandidato, ha invitato i peruviani ad andare comunque a votare: “Scelgano quello a cui affiderebbero la propria casa”, ha detto il presidente. Nel paese è presente una missione di 126 osservatori internazionali dell’OSA l’Organizzazione degli Stati Americani che hano però confernmato che sia la campagna che le elezioni si sono svolte in un clima abbastanza sereno.