ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lukashenko sfida l'Occidente

Lettura in corso:

Lukashenko sfida l'Occidente

Dimensioni di testo Aa Aa

Nel suo discorso di inaugurazione del terzo mandato da presidente della Bielorussia, colui che è stato definito l’ultimo dittatore d’Europa, ha approfittato dell’occasione per un affondo verso chi ha complottato contro il suo paese: “ Il virus della rivoluzione colorata – ha detto – qui non ha attecchito”

Dopo aver rinviato il giuramento dal 31 marzo ad oggi senza spiegare perchè, Lukashenko è stato insediato oggi pomeriggio per altri cinque anni sulla poltrona di capo dello stato nel corso di una fastosa cerimonia dove brillavano per assenza i leader stranieri. Mancava persino il presidente Putin, suo sostenitore. L’autoritario presidente ha poi indossato l’uniforme del comandante in capo per salutare le Forze Armate sulla Piazza d’ottobre dove, nei giorni seguenti le elezioni presidenziali, gli oppositori guidati da Aleksandr Milinkevic avevano eretto una mini-tendopoli.

Il movimento d’opposizione ha tentato di manifestare di nuovo questo sabato ma barriere poste tutt’attorno alla piazza l’hanno impedito.In tutto le proteste delle scorse settimane hanno portato in carcere un migliaio di seguaci di Milinkevic che hanno lasciato la prigione proprio oggi. Due inconciliabili Bielorussie che non hanno ancora finito di scontrarsi.