ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia: nuovi disordini a Istanbul. Preso di mira il partito del premier

Lettura in corso:

Turchia: nuovi disordini a Istanbul. Preso di mira il partito del premier

Dimensioni di testo Aa Aa

Una sede del partito al governo in Turchia è stata obiettivo di un attentato stamane, alla periferia di Istanbul. Due persone sono rimaste ferite.

È l’ennesimo episodio di un’ondata di violenza che da oltre una settimana ha investito il Paese, contrapponendo forze dell’ordine e governative a militanti della minoranza curda. I disordini finora avevano interessato le province ai confini con la Siria e l’Iran, abitate in prevalenza da curdi. In parlamento il premier turco Recep Erdogan ha da una parte promesso riforme per incrementare la democrazia e la libertà di espressione nel paese, dall’altra ha ribadito la fermezza delle autorità, “che non cederanno alla violenza.” L’episodio più grave si è verificato nella notte tra domenica e lunedì alla periferia di Istanbul, dove un gruppo di giovani mascherati ha appiccato il fuoco a un autobus con una bottiglia molotov. Tre i morti, e diversi i feriti. Gli scontri sono cominciati una settimana fa a Diyarbakir, nel corso dei funerali a 14 militanti del Pkk, uccisi dai militari. Almeno dieci i morti nei disordini. Crisi economica e autonomia ancora troppo limitata per la minoranza curda vengono chiamate in causa per spiegare l’impennata di violenza.