ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Spagna, sindaco arrestato per corruzione, sciolto il comune di Marbella

Lettura in corso:

Spagna, sindaco arrestato per corruzione, sciolto il comune di Marbella

Dimensioni di testo Aa Aa

Con una decisione senza precedenti nella storia del paese il governo spagnolo ha attivato la procedura per scioglimento d’autorità dell’amministrazione della città di Marbella, dopo le indagini che hanno portato in prigione una parte della giunta comunale.

Per la vicepresidente dell’esecutivo spagnolo, Maria Teresa Fernandez de la Vega, si tratta di un intervento di straordinaria gravità, pienamente giustificato però dalla serietà degli illeciti sospettati. Lo scandalo risale a venerdi scorso, quando oltre al sindaco di Marbella, Marisol Yague, sono finiti in manette anche la sua vice e il responsabile dell’ufficio urbanistico della città, Juan Antonio Roca, considerato dall’accusa il cervello del gruppo. Il magistrato titolare dell’indagine ha anche convocato il capo locale della polizia, ma non si sa se in qualità di indagato o di testimone. L’inchiesta ha portato al sequestro di beni per 2,4 miliardi di euro. Nella lista terreni e ville lussuose, ma anche opere d’arte e 100 cavalli purosangue. Lo scandalo ha destato molta sensazione in tutto il paese, anche perchè la città andalusa non è nuova a episodi di malversazione, che se da una parte hanno arricchito i corrotti, hanno dall’altra gettato nell’abbandono le strutture pubbliche. In conseguenza della decisione del governo, la guida della città verrà affidata ad un commissario straordinario, in attesa delle elezioni del 2007.