ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

11-9: Zacarias Moussaoui rischia la pena capitale

Lettura in corso:

11-9: Zacarias Moussaoui rischia la pena capitale

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo tre giorni di camera di consiglio, i nove uomini e le tre donne della giuria popolare della Corte di Alexandria, in Virginia, hanno emesso il loro primo verdetto. Moussaoui, l’unica persona incriminata negli Usa per l’attacco all’America dell’11 settembre 2001, è passibile della condanna a morte anche se si trovava in cella da un mese quando gli aerei dirottati si schiantarono sulle Twin Towers e il Pentagono.

Con la sua mancata collaborazione, dopo l’arresto, secondo la corte si è reso direttamente responsabile della morte di almeno una delle circa 3.000 persone rimaste uccise. Adesso nell’aula della Corte federale a pochi chilometri dal Pentagono la parola passa ai testimoni, tra questi molti parenti delle vittime. Rosmary Dillard l’11 settembre del 2001 ha perso il marito, riferendosi a Moussaoui: “È uscito dall’aula di giustizia dicendo “Non avrete la mia anima”… lui che non ha anima che non ha coscienza”. Moussaoui, che si è dichiarato colpevole contro il parere dei suoi legali, ha parlato di un piano per dirottare un quinto aereo sulla Casa Bianca, ma queste dichiarazioni non sembrano trovare conferma. Secondo i suoi avvocati, l’uomo, di nazionalità francese con origini marocchine, soffrirebbe di schizofrenia.