ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia, riunione di crisi del governo. Martedi nuovo sciopero anti-Cpe

Lettura in corso:

Francia, riunione di crisi del governo. Martedi nuovo sciopero anti-Cpe

Dimensioni di testo Aa Aa

Alla vigilia di una nuova giornata di mobilitazione contro il Cpe, il governo francese ha convocato una riunione di crisi a Palazzo Matignon. In discussione, l’atteggiamento da tenere davanti alla legge che riforma il mercato del lavoro, promulgata e contemporaneamente sospesa dal presidente della Repubblica Chirac. Per il premier de Villepin si tratta di salvare il salvabile modificando le norme nella direzione indicata dall’Eliseo, ma la prospettiva non raccoglie il consenso degli altri attori sociali, come spiega Jean Claude Mailly, segretario generale di Force Ouvriere.

“Se in ambito parlamentare ci si invita a una discussione sul miglioramento del Cpe noi non ci andremo nemmeno. Se vogliono una discussione che ci impegni, bisogna mettere tutto sul tavolo, compresa l’abrogazione”. Una posizione condivisa dalle rappresentanze studentesche, che hanno finora tenuto ferma la loro richiesta del ritiro della legge, senza se e senza ma. “Siamo disponibili a discutere”, dice Bruno Julliard, presidente dell’Unef, “ma a due condizioni: che il contratto di primo impiego non si cominci ad applicare nei giorni a venire, e che il confronto riguardi l’annullamento del Cpe e non il suo miglioramento”. Intanto, per domani si attende una nuova dimostrazione di forza dell’ampio e variegato movimento che si oppone alla misura. Sono previste disfunzioni nei settori dei trasporti, dei servizi pubblici, e del commercio. In sciopero anche giornali e televisioni.