ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia, incontro infruttuoso tra sindacati e premier sul CPE

Lettura in corso:

Francia, incontro infruttuoso tra sindacati e premier sul CPE

Dimensioni di testo Aa Aa

Si è conclusa senza risultati significativi la prima riunione tra i sindacati e il primo ministro francese Dominique de Villepin sul contestatissimo contratto di primo impiego (CPE). All’uscita dall’Hotel Matignon, sede del capo del governo, i leader sindacali hanno dichiarato di non essere riusciti a convincere il premier a ritirare la legge. Per martedì è stata già proclamata una giornata di sciopero generale. Ma prima di allora, sabato, de Villepin ha accettato di ricevere i rappresentanti sindacali degli studenti.

“Siamo tutti coscienti dell’importanza della crisi attuale e della posta in gioco. Bisogna garantire la sicurezza, la ripresa dei corsi, la preparazione degli esami e naturalmente l’occupazione giovanile”, ha detto de Villepin. Il premier francese ha proposto ai sindacati una nuova riunione la settimana prossima. Da più di un mese liceali e universitari organizzano manifestazioni e occupano gli istituti per protestare contro il provvedimento che a loro avviso aumenta la precarietà. La legge permette ai datori di lavoro di assumere giovani fino aventisei anni con un periodo di prova di 24 mesi durante i quali è possibile licenziare senza giusta causa. Nei cortei di giovani si stanno infiltrando sempre di più i cosiddetti “casseur”, teppisti che approfittano delle manifestazioni per creare disordini, distruggere vetrine e automobili e finanche derubare i manifestanti.