ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Aiuti alle PMI e maggiore efficienza enerrgetica, i risultati del summit di Bruxelles

Lettura in corso:

Aiuti alle PMI e maggiore efficienza enerrgetica, i risultati del summit di Bruxelles

Dimensioni di testo Aa Aa

Pensare in piccolo per far crescere l’Europa. Evitate le polemiche sull’energia, l’unico risultato concreto del summit di Bruxelles è la strategia per le piccole e medie imprese. I capi di stato e di governo hanno traguardi ambiziosi: creare due milioni di posti di lavoro ogni anno entro il 2010 e semplificare la burocrazia, perché un’azienda possa nascere nel giro di una settimana.

Ma una maggiore competitività passa per una migliore politica energetica, ha ribadito il cancelliere austriaco Wolfang Schüssel, auspicando che l’Unione risparmi il 20% del suo fabbisogno in quindici anni.

Con la testa ai problemi interni, i leader hanno sorvolato il dibattito sulle fusioni energetiche.

“Cosa volete che faccia, che dichiari guerra alla Francia?” ha scherzato il premier italiano Silvio Berlusconi, ma il presidente francese Jacques Chirac non ha apprezzato l’ironia, respingendo le accuse di protezionismo nel caso Enel-Suez.

La liberalizzazione del mercato dell’energia resta una questione controversa per molti paesi, ma non per la Gran Bretagna.

“L’elettricità al numero 10 di Downing street è fornita da un compagnia francese- ha dichiarato il premier Tony Blair- l’acqua è fornita da una compagnia tedesca e il gas da quattro compagne, di cui tre non sono britanniche. Non è un gran problema per noi, abbiamo scelto un mercato liberalizzato. Piú il mercato è aperto, e maggiori sono i diritti per le imprese e per i consumatori in Europa”

I leader europei hanno deciso di puntare sulle enerrgie rinnovabili, come i biocarburanti, e di aumentare le interconnessioni fra gli stati membri.

In agenda anche la direttiva sulla liberalizzazione dei servzi, rivisitata e corretta dal parlamento europeo. Si è deciso di semplificare le procedure amministrative. La commissione europea presenterà una nuova proposta all’inizio di aprile.