ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tre anni fa iniziava la guerra in Iraq, normalizzazione ancora lontana

Lettura in corso:

Tre anni fa iniziava la guerra in Iraq, normalizzazione ancora lontana

Dimensioni di testo Aa Aa

A tre anni dall’inizio del conflitto in Iraq, la stabilizzazione del Paese è ancora lontana. Sul terreno la violenza continua malgrado le operazioni dagli americani. L’ultima è stata lanciata quattro giorni fa in una zona rurale a nord di Samarra. Ha portato al momento all’arresto di un’ottantina di guerriglieri e al sequestro di 15 depositi d’armi.

Sotto accusa, come afferma un docente universitario iracheno, la stessa politica statunitense e i metodi d’occupazione usati dai militari americani. L’impasse istituzionale non aiuta. Il parlamento riunito in sessione plenaria lo sorso 16 marzo, non ha trovato ancora un’intesa sul futuro governo. E anche se si va verso un accordo politico,per arrivare a costituire un governo d’unità nazionale, l’Iraq è sul bordo di una guerra civile, sostiene l’ex premier ad interim Iyad Allawi. A rallentare il processo politico anche i forti interessi economici. Uno dei paesi al mondo più ricco di petrolio, l’Iraq ha visto crollare negli ultimi tre anni la produzione della metà, rispetto al periodo del regime di Saddam. “Il futuro governo dovrà impegnarsi a ammodernare e costruire nuove infrastrutture”, sostiene un analista. Secondo molti esperti, una volta ritrovata una normalizzazione politica, ci vorranno dai cinque ai sette anni perché la produzione di greggio e l’economia irachena tornino a avere un segno positivo.